Dopo il centro sinistra


Il 1964 si apre con un governo di centro sinistra e la sinistra del Psi, a conclusione del convegno socialista di gennaio, abbandona il partito per formare il Psiup (Partito socialista italiano di unitÓ proletaria), .
Il governo si trova subito costretto a fare i conti con la crisi congiunturale annunciata l'anno prima. Sulle modalitÓ d'intervento per arginarla si scontrano la Dc, affiancata dal Psdi,(partito socialdemocratico ,piccola formazione che appoggiava da molti anni la DC) e il Psi. I contrasti tra le parti rendono impossibile la gestione del governo che cade nel giugno di questo stesso anno. Si apre una delle crisi pi˙ drammatiche   soprattutto all'estero, la voce di un possibile golpe in Italia circola con una certa insistenza. Tre anni dopo, grazie alle rivelazioni del settimanale l'Espresso, si scopre che proprio nel 1964 il comandante dei carabinieri Giovanni De Lorenzo in coincidenza con la crisi del governo ha convocato i capi delle tre divisioni dell'Arma, ristrutturate e riorganizzate militarmente con ampia disposizione di mezzi, consegnando loro le copie di quello che Ŕ rimasto nella memoria con la denominazione di piano"Solo". In questo piano sono indicati i personaggi da  arrestare  e viene prevista un'azione su vasta scala per occupare i punti nevralgici del paese. Non Ŕ chiaro cosa avvenne in quell' estate ,alcuni hanno sottolineare lo stretto rapporto fra De Lorenzo e il presidente Antonio Segni, avverso al centrosinistra e preoccupato nello stesso tempo che l'estromissione dei socialisti dal governo potesse generare problemi d'ordine pubblico.I numerosi omissis che ostacoleranno le indagini della commissione parlamentare d'inchiesta non hanno mai permesso di chiarire completamente questa vicenda anche in relazione con l'organizzazione Gladio, struttura segreta organizzata militarmente per intervenire nell'eventualitÓ di una affermazione della sinistra. Una delle pagine,tra le tante in gran parte "misteriose" della nostra storia recente.

Il pericolo di un colpo di stato viene scongiurato ma il secondo governo Moro, a cui viene accordata la fiducia nell'agosto del 64, pur durando sensibilmente pi˙ a lungo del primo non ottiene risultati rilevanti e tutto il '65 passa senza eventi di rilievo in seno alla compagine governativa.
Il terzo incarico di governo viene conferito a Moro_ all'inizio del '66 e l'opposizione dei partiti laici impedisce che un ministero venga affidato a Mario Scelba, leader dell'opposizione al centro sinistra in seno alla Dc e giÓ protagonista degli anni del centrismo. La fase di stallo della politica italiana finisce per essere il focolaio di quella contestazione che Ŕ ormai alle porte. I governi di centro sinistra furono indubbiamente dei tentativi per modernizzare il Paese anche rispetto alla crescita economica e ai cambiamenti in atto ,vi furono tentativi di programmazione economica e di rinnovamento nel campo scolastico come la "scuola media unificata",non venivano risolti grandi problemi di fondo della societÓ italiana. I flussi migratori finirono di fatto ,per cambiare per˛ la geografia sociale dell'Italia al nord,come al sud,la politica solo in parte riusciva a decifrarne la portata e a governarne i processi, anche se il quadro generale istituzionale e alcune scelte di fondo in campo internazionale erano certamente all'origine del Boom