http://www.fantafilm.it/Registi/Melies.htm

Titolo italiano: VIAGGIO ATTRAVERSO L'IMPOSSIBILE

Produzione: 1904 - Francia, Charles Pathé, b/n, 470 metri

Regia: George Méliès

Sceneggiatura: George Méliès

Interpreti: George Méliès

L'Istituto di Geografia Incoerente approva il progetto del professor Mabouloff di raggiungere il sole per esplorarne la superficie. Mezzo di trasporto è l'Automabouloff: una straordinaria vettura dalle caratteristiche di automobile, treno, dirigibile e sottomarino che l'autorevole uomo di scienza fa costruire in una grande fonderia e nel quale prenderanno posto 12 illustri scienziati con le rispettive mogli. Dopo una prima partenza fallimentare da un monte della Svizzera, la macchina lanciata a tutto vapore sulla vetta dello Jungfrau decolla verso il cielo, attraversa le nuvole e raggiunge l'obiettivo. Il sole, raffigurato come una immensa faccia, si sta svegliando proprio in quel momento ed ingoia nella bocca aperta per uno sbadiglio gli intrepidi cosmonauti, per poi eruttarli fuori con espressione irritata. Sano e salvo il gruppo comincia a soffrire il caldo. Mabouloff, previdente, ha portato nel veicolo una ghiacciaia per ospitarvi alla bisogna i compagni di viaggio. Ma la porta della cella frigorifera funziona male e quando il professore riesce a riaprirla trova i colleghi trasformati tutti in statue di ghiaccio. Dopo averli scongelati, Mabouloff decide di tornare sulla Terra e fa precipitare nel vuoto il sottomarino che si inabissa nel mezzo del mare. Grazie ai potenti fari del sommergibile, gli scienziati studiano il fondo marino e riescono a sfuggire dai tentacoli di una piovra e quando una esplosione delle caldaie li proietta alla superficie, all'interno di un porto, trovano una folla festante pronta ad accoglierli.

Méliès non volle badare a spese ed utilizzò circa duecento fondali dipinti per sottolineare l'atmosfera fantastica dell'avventura.
Soddisfatto del risultato girò per la Star Film un supplemento di 2 minuti nel quale il protagonista recupera i pezzi dell'Automabouloff perduti durante il viggio, sui monti, nel mare e sul sole, mediante una gigantesca calamita: il risultato è che oltre a recuperare ciò che cercava, Mabouloff cattura con facilità tutti i mezzi di trasporto che si trovano nel raggio d'azione del magnete.

L'ingegnoso professor Mabouloff, impersonato dallo stesso Méliès, è protagonista anche di Alla conquista del Polo!